Academia Belgica

Programma help
Anno precedente Anno precedente Anno successivo Anno successivo
Visualizza per anno Visualizza per mese Visualizza per settimana Vedi Oggi Cerca Vai al mese
Eventi per
2013
Gennaio 2013

  • Rome around the world: Jacques Jordaens’ (1593–1678) remote engagement with Italian art.
    Conferenza: 23 gennaio 2013, ore 18.30
    Conferenza di I. Schaudies (Musei reali di Belle Arti del Belgio) in occasione della mostra "Jordaens and the Antique" organizzata dai Musei reali di Belle Arti del Belgio e il Museumslandschaft Hessen Kassel in Germania.


    foto sitoSpecializzata nella pittura di Jacques Jordaens (1593–1678), Irène Schaudies ha conseguito il dottorato in storia dell’arte alla Brown University di Providence (Rhode Island, USA) con una tesi sul maestro fiammingo del periodo barocco. A tutt’oggi conta numerose pubblicazioni riguardanti la pittura fiamminga di diciassettesimo secolo e l’arte contemporanea in Belgio; è, inoltre, attualmente collaboratrice scientifica presso i Musei reali di Belle Arti a Bruxelles. In collaborazione con il Dr Joost Vander Auwera (Bruxelles) e il Dr Justus Lange (Cassel), è co-commissario dell’esposizione « Jordaens and the Antique » (Bruxelles, Musei reali di Belle Arti del Belgio, 12.10.2012 - 27.01.2013 / Kassel, Fridericianum, 01.03.2013 - 16.06.2013).

     

    Jordaens 1Contrariamente alla maggior parte dei suoi contemporanei come Rubens o Van Dyck, il pittore di Anversa Jacques Jordaens (1593–1678) non effettuò mai il famoso “pellegrinaggio” artistico a Roma. Non ebbe modo, quindi, né di studiare in situ le rinomate antichità della città né di familiarizzare con le opere dei maestri italiani contemporanei. Tuttavia accanto alle opere che trattano argomenti popolari, per le quali egli è meglio conosciuto, ve ne sono altre ricche di riferimenti all’antichità. Questa ispirazione classica trovò la sua origine ad Anversa. Infatti , come spiegherà Irène Schaudies, fu proprio il commercio artistico internazionale di Anversa che gli permise l’accesso a una sorta di Roma “virtuale” riproducendo così lo stile dei modelli antichi attraverso diari di viaggio, disegni di colleghi artisti, incisioni o stampe. Inoltre la ricchezza delle collezioni presenti ad Anversa gli assicurò un rifornimento regolare di opere originali.

     

    La conferenza si terrà in lingua inglese.


     

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Dieux des Grecs, dieux des Romains: panthéons en dialogue à travers l’histoire et l’historiographie.
    Convegno: 24-26 gennaio 2013
    Convegno organizzato da C. Bonnet (Université de Toulouse-IUF), V. Pirenne-Delforge (FNRS- Université de Liège) e G. Pironti (Università di Napoli). Programma


    monetaRecentemente le indagini sulla possibilità di “tradurre” le divinità e i tipi di relazioni che si sviluppano tra i sistemi religiosi in contatto hanno acquisito un ruolo fondamentale nello studio delle religioni dell’Antichità. Finora questo ampio settore di studio ha prestato poca attenzione sia al rapporto tra gli dèi dei greci e quelli dei romani sia a quei meccanismi che fanno parte del dialogo tra le due culture e il loro pantheon. La recente visione di un mondo “greco-romano” potrebbe ridurre il divario tra i due sistemi religiosi al punto di poter pensare che questi si sovrappongano naturalmente e si compenetrino spontaneamente? Come vengono accolti gli dei greci dai Romani? I Greci, a loro volta, come integrano le forme di socialità religiosa aperta ai Romani e ai loro dei?


    Il convegno affronterà i problemi che si pongono quando gli dei romani prendono in prestito il nome, le epiclesi, le forme, i riti dei Greci e viceversa.

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61
Febbraio 2013

  • Quatuor Tana.
    Concerto: 9 febbraio 2013, ore 19.30
    Concerto di Antoine Maisonhaute & Chikako Hosoda, violino – Maxime Desert, viola – Jeanne Maisonhaute, violoncello. www.tanastringquartet.be


    quatuor tanaNe calcolata o premeditata, la singolarità del quartetto Tana è nel loro repertorio, innegabilmente originale e decisamente contemporaneo. I suoi musicisti impongono necessariamente quattro volontà e quattro energie legate alle tradizioni del quartetto, ma sono anche fermamente decisi ad ampliarne il campo per ottenere, nella creazione contemporanea, un’espressione personale. L’insaziabile curiosità musicale fa esplorare loro numerosi aspetti, stili e ricchezze delle partizioni create da compositori viventi che vengono proposte durante i loro concerti nei quali il grande repertorio e le opere di domani fraternizzano.


    Fondato nel 2004 da Antoine Maisonhaute, il quartetto Tana suona nella sua formazione attuale dal 2010.


    Vincitore della fondazione ProQuartet - CEMC, Tana ha beneficiato dell'insegnamento di maestri riconosciuti come Paul Katz, Walter Levin, Eberhart Feltz, Alasdair Tait, Nicholas Kirchen. Selezionati per l'Accademia di Aix-en-Provence nel 2011, hanno potuto lavorare con David Alberman, Andrés Keller, Yann Robin, Raphael Cendo e Ondrej Adamek. Il quartetto Tana è vincitore 2012 del Verbier Festival Academy che gli apre le porte di prestigiose sale da concerto in Svizzera e a Londra. È anche vincitore del Premio Fuga consegnato dal CEBEDEM e dall'Unione dei Compositori belgi nel 2012.


    I più grandi festival, tra cui quelli di Aix-en-Provence, Verbier, Dinard, Ars Musica, Klara, Promenades de Fontainebleau, Clé de Soleil, Pharos Foundation di Cipro, si sono affidati al quartetto Tana per offrire concerti originali prestando sempre attenzione al pubblico, condividendone il loro entusiasmo e il loro repertorio prediletto.


    Dal 2011, Tana è l'unico gruppo europeo a suonare con supporti elettronici, rendendo cosi il quartetto un partner privilegiato dei centri di ricerca, come il Centro Henri Pousseur (Liegi), il GMEM (Marsiglia), ArtZoyd (Valenciennes).


    Lunedì 11 febbraio 2013, Quatuor Tana parteciperà al festival Controtempo a Villa Medici di Roma.


    Programma: Michel Lysight, Ritual (per quartetto a corde) - Philippe Boesmans, Summer Dreams (quartetto in 7 piccoli movimenti) - Claude Debussy, Quartetto in sol


    Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61
Marzo 2013

  • Voluntates sive affectus. Les passions de l'âme entre phénoménologie et histoire des idées.
    Convegno: 8-9 marzo 2013
    Convegno organizzato da F. Boccaccini (Université de Liège). Programma
    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Presentazione del progetto Alamire Digital Lab-project in de Biblioteca Apostolica Vaticana.
    Conferenza stampa: 14 marzo 2013, ore 11.45
    Presentato da B. Demuyt (Katholieke Universiteit Leuven - Alamire Foundation) alla presenza del ministro fiammingo della cultura Joke Schauvliege.

     

    La Biblioteca Apostolica Vaticana e la Fondazione Alamire hanno recentemente firmato un accordo per consentire all'Alamire Digital Lab (laboratorio mobile specializzato nella digitalizzazione del patrimonio musicale) di digitalizzare, descrivere e studiare i manoscritti musicali presenti nelle collezioni della Biblioteca Vaticana. Queste collezioni includono manoscritti che provengono dalla Cappella Sistina, dalla Cappella Giulia e dalla basilica di S. Maria Maggiore, databili tra la fine del Trecento e i primi anni del Seicento.


    La digitalizzazione (13.500 immagini), in collaborazione con la Biblioteca Vaticana, è iniziata a novembre 2012 e finirà ad aprile 2013. Le fonti da digitalizzare comprendono i capolavori della bottega di Petrus Alamire, compositore e strumentista attivo nelle Fiandre a partire dalla fine del secolo XV, ma soprattutto noto per l'attività di calligrafo copista di testi musicali, che eseguì con straordinaria abilità realizzando magnifici libri di coro, con ornamentazione e miniature di squisita fattura, divenuti presto oggetti ricercati e presenti in tutte le corti europee, comprese quelle imperiale e papale (L'Osservatore Romano, 15 novembre 2012). I manoscritti di Petrus Alamire, in particolare, saranno meticolosamente studiati, analizzati, descritti e arricchiti di metadati in Vaticano, da un team internazionale di ricercatori e dal personale della Fondazione Alamire.


    Le immagini e il materiale aggiuntivo, relativo ai manoscritti, saranno consultabili nella Biblioteca Vaticana, ma anche attraverso una nuova base dati digitale liberamente accessibile on-line, l'Integrated Database for Early Music (IDEM).


    Il laboratorio Alamire Digital Lab e la base dati IDEM sono sostenuti dalla Hercules Foundation e dall’Università Cattolica di Leuven. Il progetto di digitalizzazione dei manoscritti del Vaticano è stato reso possibile grazie al generoso sostegno del ministro fiammingo della Cultura Joke Schauvliege e al Fondo di ricerca speciale dell’Università Cattolica di Leuven.


    Al termine questo progetto innovatore rivelerà una parte importante del patrimonio musicale e storico-artistico dei Paesi Bassi, conservato attualmente nella Biblioteca Vaticana, e aprirà la via a nuove ricerche.


    La conferenza stampa avrà luogo presso la sede dell’Academia Belgica a Roma in presenza del ministro fiammingo della Cultura Joke Schauvliege.

     


    Località Academia BelgicaVia Omero 8I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Europe, the Union and the Euro: challenges and perspectives.
    Conferenza: 14 marzo 2013, ore 18.30
    Conferenza di Baron F. van Daele (Ambasciatore onorario del Belgio).


    van DaeleFrans van Daele (1947) fu rappresentante permanente del Belgio presso l'Unione Europea a Bruxelles (1997- 2002), Ambasciatore del Belgio negli Stati Uniti (2002-2006), rappresentante permanente del Belgio presso la NATO (2007-2009), capo del personale del Presidente del Consiglio europeo, H. Van Rompuy (2009-2012). Attualmente consigliere di Deloitte come Senior Advisor per gli affari internazionali e di governo.


    Durante la sua ricca carriera diplomatica, iniziata presso il ministero belga degli Affari Esteri nel 1971, è stato negoziatore del Belgio per il Trattato di Amsterdam (1997) e per il Trattato di Nizza (2001). Fu direttamente coinvolto nella negoziazione delle misure europee prese nel quadro della lotta contro il terrorismo (2001) e ha attivamente partecipato alla presidenza belga dell’unione Europea nel 2001 come alla stesura della Dichiarazione di Laeken che ha posto le basi per il trattato di Lisbona (2007). Tra il novembre 2009 e il novembre 2012, Frans van Daele non solo è stato chiamato a contribuire ad una soluzione per i problemi economici, finanziari e monetari legati alla crisi dell'euro, ma è stato anche coinvolto nelle relazioni tra l'Unione Europea e i suoi dieci partner strategici. Come sherpa del Presidente Van Rompuy e del Presidente Barroso ha preparato i Vertici G8 di Muskoka (2010), Deauville (2011) e Camp David (2012), e come loro vice-sherpa quelli del G20 a Toronto (2010 ), a Seoul (2010), a Cannes (2011) e in Los Cabos (2012).


    Frans van Daele ha studiato Arte e Filosofia presso la Katholieke Universiteit Leuven in Belgio. Nel corso della sua carriera ha sempre mantenuto un forte interesse sia per la storia che per i problemi economici e politici attuali e tiene spesso conferenze pubbliche sulla politica estera, l'integrazione europea e gli sviluppi economico/finanziari. Baron van Daele è membro del Consiglio di Amministrazione della Katholieke Universiteit Leuven, del consiglio di amministrazione della Chapelle musicale Reine Elisabeth, del Consiglio consultivo di Friends of Europe, del Consiglio consultivo dell'Itinera Institute e della Fondation Jean Monnet (Losanna). E 'stato invitato come membro distinto della Johns Hopkins’ SAIS a Washington, tiene un seminario sul Consiglio europeo al College of Europe di Bruges e di Natolin e presiede l"Europe in the World", programma dell’European Policy Center.


    La conferenza si terrà in lingua inglese.

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Deus in Machina. Machines, Theatre and Religion in Early Modern Europe.
    Workshop: 15-16 marzo 2013
    Workshop organizzato in collaborazione con M. Delbeke (Universiteit Gent) nell'ambito del programma di ricerca "Culture dello spettacolo barocco tra Italia e antichi Paesi Bassi". Programma
    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Valle Giulia Dialogues.
    Seminario: 18 marzo 2013, ore 18.
    Seminario organizzato dalle accademie di ricerca e di cultura di Valle Giulia.

     

    The organizers of The Valle Giulia Dialogues, a collaborative initiative of scholars associated with the foreign academies in Valle Giulia, kindly invite you to the next session of presentations:

    • Lovisa Brännstedt (Swedish Institute), Femina Princeps. The auctoritas of Livia Drusilla
    • Francesco Russo (Roma 3 - Academia Belgica), Coming in Rome/settling in Rome. New approaches to the sources of everyday life history (16th-18th centuries)

     

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Giornate romane della Francofonia: FRANCO+Viaggio.
    Conferenza: 20 marzo 2013, ore 18.30
    Conferenza organizzata dal Gruppo dei Capi delle Missioni francofone a Roma. Programma

    Il Gruppo dei Capi delle Missioni francofone a Roma è composto dalle rappresentanze francofone presenti sul territorio italiano, che si riuniscono per dar corpo agli obiettivi dell'Organizzazione Internazionale della Francofonia (OIF). Per il biennio 2013/2014 il Gruppo è presieduto dall'Ambasciata del Regno del Marocco, mentre le ambasciate di Francia e Svizzera sono, rispettivamente, Vice presidente e Tesoriere. Ogni anno, in occasione della Giornata Internazionale della Francofonia del 20 marzo, il Gruppo dei Capi delle Missioni francofone a Roma organizza le Giornate romane della Francofonia: un'occasione per far conoscere e sensibilizzare il pubblico italiano e francofono presente in Italia alla diversità e alla ricchezza culturale dei paesi di lingua francese.


       

    • Benvenuto da parte del direttore dell’Academia Belgica.
    • Intervento del Presidente del gruppo francofono di Roma (S. E. Ambasciatore del Marocco).
    • La serata sarà animata da narratori provenienti dal Belgio, Svizzera, Francia e Haiti accompagnati da un gruppo musicale marocchino che chiuderà la cerimonia con canti tradizionali.
    •  

     

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Marguerite Yourcenar. Adriano, l’antichità immaginata.
    Conferenza stampa: 27 marzo 2013, ore 11
    Conferenza stampa della mostra "Marguerite Yourcenar. Adriano, l'antichità immaginata" (Villa Adriana, 28 marzo-3 novembre 2013).

     

    Ministero per i Beni e le Attività Culturali

    Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio


    Conferenza stampa della mostra


    Marguerite Yourcenar

    Adriano, l’antichità immaginata


    mercoledì 27 marzo ore 11.00

    presso l’Academia Belgica

    Roma, via Omero 8


    Saranno presenti:


    Wouter Bracke, direttore dell’Academia Belgica

    Federica Galloni, direttore generale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio

    Elena Calandra, soprintendente per i beni archeologici del Lazio

    Benedetta Adembri, direttore dell’area archeologica di Villa Adriana


    La mostra sarà aperta al pubblico dal 28 marzo al 3 novembre 2013 presso l’Antiquarium del Canopo di Villa Adriana, Tivoli.

    Località Academia BelgicaVia Omero 8I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

You are here Eventi Programma