Academia Belgica

Academia Belgica
  help
Anno precedente Anno precedente Anno successivo Anno successivo
Visualizza per anno Visualizza per mese Visualizza per settimana Vedi Oggi Cerca Vai al mese
Eventi per
2014
Gennaio 2014

  • Wunderkammer. Camera delle meraviglie contemporanea.
    Mostra: 5 novembre 2013 - 29 gennaio 2014
    Mostra a cura di A. Nardone organizzato con il sostegno del Belgian Science Policy Office, dell'Ambasciata del Belgio a Roma, della Fondazione Inbev-Baillet Latour e della Loterie Nationale. Informazioni


    WunderkammerEspongono: Francesco Balsamo, Pascal Bernier, Isobel Blank, Stefano Bombardieri, Ulrike Bolenz, Charley Case, Marcello Carrà, Eric Croes, Dany Danino, Wim Delvoye, Laurence Dervaux, Yves Dethier & Olivia Droeshaut, Jacques Dujardin, Jan Fabre, Alessandro Filippini, Roberto Kusterle, Pablo Mesa Capella, Jean-Luc Moerman, Michel Mouffe, Ivan Piano, Vincent Solheid, Bénédicte van Caloen, Koen Vanmechelen, Patrick van Roy, Sofi van Saltbommel.


    Orari di apertura:

    • dal mercoledì alla domenica: ore 11-18
    • ingresso libero

    Visite guidate:

    • su prenotazione : 06 20398638
    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Michiel Coxcie e il suo tempo.
    Worshop: 27 gennaio 2014
    Workshop in occasione della mostra “Michiel Coxcie. The Flemish Raphael” organizzata dal Museum M di Lovanio in Belgio (31|10|2013 - 23|02|2014). Programma
    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61
Febbraio 2014

  • Presentazione della riedizione di "Les mystères de Mithra" di Franz Cumont.
    Conferenza: 10 febbraio 2014, ore 18.30
    Presentato da C. Bonnet (Université de Toulouse - IUF) e M. Barbanera (Università di Roma-la Sapienza).

    F. Cumont, Les mystères de Mithra a cura di N. Belayche - A. Mastrocinque con la collaborazione di D. Bonanno.
    Aragno Editore Torino 2013 (distribuzione : Brepols Publishers)

    Località Academia BelgicaVia Omero 8I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • New Communities of Interpretation: Contexts, Strategies and Processes of Religious Transformation in Late Medieval and Early Modern Europe.
    Convegno: 13-15 febbraio 2014
    Convegno organizzato da e-COST (European Collaboration in Science and Technology).
    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • XXXX Concerto Orpheade: Maud Leroy (flauto traverso) e Andrés Soler Castaño (pianoforte).
    Concerto: 25 febbraio 2014, ore 19.30
    Concerto organizzato in collaborazione con il Conservatoire Royal de Bruxelles.

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61
Aprile 2014

  • "Torso" Opus 4, nr. 2.
    Mostra: 3 aprile - 3 luglio 2014
    Mostra di Athar Jaber. Invito


    Vernissage:

    Orari d'apertura:

    • dal lunedì al venerdi 16:00 - 18:00 o su appuntamento
    • ingresso libero


    TERRIBILE BELLEZZA

    Opus 4 Nr.2 di Athar Jaber


    Con la presentazione di Opus 4 Nr.2 nella maestosa sala in marmo verde dell’Academia Belgica, il giovane scultore Athar Jaber (°1982) sembra tornare a casa. Nato a Roma da genitori Iracheni, cresciuto a Firenze e laureatosi ad Anversa, il suo percorso è costituito da esperienze eterogenee. Attraverso le immagini televisive della Guerra del Golfo, vissute durante l’infanzia, consapevole del fatto che i suoi parenti fossero quotidianamente minacciati, Athar ha percepito l’ansia prodotta dalle immagini inquietanti della guerra. Al contrario, la città di Firenze, con i suoi magnifici Palazzi e collezioni, fornì di prima mano al giovane le migliori informazioni sul Rinascimento Italiano. Eppure, la perfezione di certi capolavori sembrava troppo bella per essere vera. Nell'evoluzione artistica di Athar, la bellezza ideale della scultura di Michelangelo doveva essere negata dai corpi nudi e deformi di Francis Bacon.


    Gradualmente, le rovine entropiche e i frammenti della Roma antica, la sensuale perfezione scultorea di Michelangelo e la nuda, cruda carne del pessimismo esistenziale di Bacon sono stati assimilati dall’esplorazione scultorea personale di Athar. Durante gli studi presso l'Accademia Reale di Belle Arti di Anversa, Athar scelse radicalmente un materiale quasi anacronistico quale il marmo. L’interazione fisica estremamente lenta con la pietra inerte ha fornito ad Athar la possibilità di adottare e di adattare le condizioni storiche e materiali del marmo. Nel 2008 si è laureato con una scultura a grandezza naturale in marmo di Carrara, presentando una “natura morta” di membra frammentate di un corpo maschile (Opus 4 Nr.1). L’apparente classicismo (il marmo bianco, la levigatura lucida) ed un'abile esecuzione, sono state intelligentemente contrastate da reminiscenze di disintegrazione fisica, ricordando alcuni studi di Théodore Géricault: cupe rappresentazioni di braccia e gambe mozzate.


    Un anno dopo, Athar completa Opus 4 Nr.2 (2009). Il nucleo di questa scultura, un torso mutilato, determina chiaramente un allontanamento intenzionale dalla finitura morbida della sua precorritrice. La posizione contorta del corpo incompleto esprime una forte tensione, mentre il suo carattere incompiuto somiglia alle strutture erose ed entropiche di frammenti scultorei ed architettonici. Le linee nitide della silhouette fratturata conferiscono all’opera una qualità tagliente, tesa, nevrotica. Essendo deformato e rotto, la condizione devastata di questo corpo potrebbe riferirsi sia ad un’erosione che ad un’aggressione. La sua bellezza è terribile. Nella città delle rovine, e nel monumentale interno modernista dell'Academia Belgica, Opus 4 Nr.2 potrebbe quasi essere interpretata come un’opera site-specific. Tuttavia, presentando l’opera su un piedistallo di metallo che rievoca l’altezza alla quale è stata lavorata, Athar esprime chiaramente la sua intenzione di elevare il pezzo dal suolo e differenziarlo dal suo ambiente. In questo modo egli “dichiara” la scultura come scultura, splendida nella sua posizione isolata e muta nella sua condizione mutilata.


    Johan Pas, Anversa, Febbraio 2014


    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Convegno in memoria del Cardinale Julien Ries.
    Convegno: 26 aprile 2014
    Convegno organizzato da R. Lebrun (Université Catholique de Louvain).


    - 14h: Accueil par les Professeurs René Lebrun et Vincent Dujardin (UCL)

    - 14h15: R. Lebrun (UCL, ICP, Président du Centre d'Histoire des Religions Card. J. Ries): Historique du Centre d'Histoire des Religions Card. J. Ries, ses enjeux, ses travaux, ses publications.

    - 14h45 : André Motte (Liège) : Le Cardinal Julien Ries et l'histoire des religions: un savant généraliste, un entrepreneur infatigable, un rassembleur ouvert.

    - 15h15: Jean-Claude Polet (UCL): Une Université au service de l'Homo Religiosus et de l'intelligence savante.

    Pause

    - 16h: Christian Cannuyer (Université Catholique de Lille et Président de la Société belge d'Etudes orientales) : L'enracinement orientaliste de l'œuvre du Cardinal Julien Ries.

    - 16h30: Natale Spineto (Milan) : Histoire des religions et anthropologie du sacré dans l'œuvre du Cardinal Julien Ries.

    - 17h: Conclusions par R. Lebrun

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61
Maggio 2014

  • The Missing Object. Bricks and Butterflies.
    Installazione: 8 maggio - 8 luglio 2014
    Installazione di Kristien De Neve.


    Inaugurazione:

    Orari d'apertura:

    • dal lunedì al venerdi 16:00 - 18:00 o su appuntamento
    • ingresso libero


    Kristien De Neve, artista belga residente a Roma, in occasione del 75° anniversario dell'Academia Belgica presenterà un' installazione sulle terrazze e sulle mura esterne dell'edificio. Sovrapporrà alla solida, sicura ed inamovibile facciata dell'Academia Belgica, splendido esempio di architettura razionalista, delle strutture mobili, ondose e oscillanti nelle quali sono riconoscibili i contorni di mattoni, di una farfalla, di una stampella che non porta veste e di una sedia che non offre la possibilità di accomodarsi.

    In un periodo di innegabile crisi sociale, l'artista indica la necessità di una profonda trasformazione tramite un riconoscimento della provvisorietà delle forme di conoscenza ed una consapevolezza della nostra fondamentale interdipendenza. Tema centrale dell'installazione è “the missing object”, l'oggetto mancante con il quale si intende l'umana tendenza ad essere attratti più dall'oggetto ancora non definito o consumato che da quello già conosciuto o posseduto. L'artista ritiene che sia fondamentale interrogarsi sulla propria attitudine verso l'oggetto mancante, che è sì il volano per una preziosa ricerca umana, ma è anche il perno sul quale molti poteri economici fanno leva per una gigantesca manipolazione delle scelte delle persone.

    L'installazione è totalmente rivestita da vestiti usati regalati da tante persone, molte delle quali si sono incontrate per avvolgere con i tessuti il filo di ferro che disegna i frammenti di mura. Il lavoro collettivo è parte integrante del progetto artistico che intende contribuire ad una riflessione su nuovi percorsi di vita nei quali la persona e la sua diversità possano contare senza rinunciare ad un senso di comunità e di fondamentale unità con tutti i processi vitali.

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Concerto Jazz.
    Concerto: 8 maggio 2014, ore 19.30
    Concerto organizzato in occasione del 75° anniversario dell'Academia Belgica in collaborazione con i Conservatori di Anversa, Bruxelles e Gand.

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

  • Notte dei Musei 2014
    Mostre: 17 maggio 2014, ore 20-24
    Apertura straordinaria in occasione della "Notte dei Musei 2014".

    -"Torso, Opus 4, nr. 2". Mostra di Athar Jaber.

    -"The Missing Object. Bricks and Butterflies". Installazione di Kristien De Neve.

     

    Località Academia Belgica Via Omero 8 I - 00197 Roma
    Contatto Tel. +39 06 203 98 631 Fax+39 06 320 83 61

You are here Home